Comunicati





Salina di Cervia: prorogata di un anno la scadenza della presidenza e del cda 2015 in attivo per la Salina, che punta sulla promozione

Cervia. Con voto favorevole e unanime il bilancio consuntivo 2015 del Parco della Salina di Cervia è stato approvato sia dal Cda, in data 12 aprile, sia dall’assemblea dei soci, in data 28 aprile. Quello della Salina di Cervia è un bilancio che chiude in positivo. E’ così dal 2009. Il risultato di esercizio 2015 è di 5740 euro, al netto delle imposte. L’assemblea dei soci ha deciso inoltre di prorogare di un anno la scadenza della presidenza e del cda, per consolidare i buon risultati raggiunti.

“Nel panorama della società partecipare – spiega il Presidente della Società Parco della Salina, Giuseppe Pomicetti – noi siamo una rarità. Il nostro impegno è legato a mantenere efficiente l’ecosistema ambientale, con la movimentazione delle acque e con la manutenzione dei macchinari e degli invasi, poi c’è il lavoro di promozione, sia dal punto di vista naturalistico che turistico. Stiamo lavorando sull’annata 2016, auspicando che sia migliore rispetto al biennio appena concluso. La mancata raccolta nel 2014, dovuta alle abbondanti piogge che si verificarono nei mesi di luglio e di agosto 2014, è stata seguita dalla scarsa raccolta del 2015, che ci ha imposto una gestione se possibile ancora più oculata del solito. La miglior raccolta quantitativamente parlando fino ad ora per la società è stata quella del 2013. Dalle stime dei quantitativi di sale ottenuti dalla raccolta 2015 e dal residuo della raccolta 2013, si prevede vi siano quantità sufficienti di prodotto per poter commercializzare il Sale di Cervia continuativamente senza interruzioni ed arrivare ad esaurirlo solo poco prima di aver ottenuto nuovo prodotto a seguito della raccolta 2016”.

Questo il motivo che ha portato il cda a deliberare “la sospensione della commercializzazione dei formati di sacchi di sale da 25 chili e da 5 chili, al fine di preservare il prodotto per poterlo confezionare in formati più piccoli e di maggior marginalità”. La Salina insomma è riuscita, nonostante la scarsa raccolta 2016, a far fronte a tutte le richieste, per altro aumentate in maniera significativa. “L’attiva di promozione, comunicazione, marketing e in particolare di consolidamento del brand, Sale Dolce di Cervia – spiega il Presidente Pomicetti – ha fatto notevolmente aumentare la penetrazione del marchio e quindi anche la richiesta del prodotto, nel mercato già consolidato e anche in nuovi mercati”.
“E’ chiaro - conclude il Presidente Pomicetti - che questi risultati, che considero positivi, si possono raggiungere perché la squadra della salina lavora e si impegna tutta insieme per raggiungere gli obiettivi che ci proponiamo. Primo fra tutti il mantenimento dell’ecosistema, cosa che è stata possibile anche grazie al progetto LIFE e alla collaborazione, sempre più intensa, con il Parco del Delta del Po, che è anche nostro socio. Grazie anche all’attività di comunicazione e di promozione l’attenzione dei turisti a questo segmento turistico particolare, quello ambientale, è molto aumentata”.   

Fra i soci, il Comune di Cervia detiene la maggioranza delle quote. L’Assessore alle attività produttive con delega alla Salina, Rossella Fabbri così commenta l’approvazione del bilancio: “L’importante lavoro fatto con la Presidenza e lo staff che opera in salina ci permette oggi di presentare un bilancio sano che ci mette in condizione di effettuare investimenti sulla struttura produttiva e di strutturare nuove strategie di sviluppo in termini di prodotti e servizi anche finalizzati a raccogliere ulteriori occasioni di crescita in termini di eventi, turismo e valorizzazione ambientale di tutta l’area. Fra l’altro stiamo collaborando con il Parco Delta del Po per la realizzazione del piano di gestione dell’area, al fine di tracciare con gli organi sovraordinati (fra cui Ispra e Forestale) strategie chiare e percorribili per lo sviluppo e per la valorizzazione turistica degli edifici in essa collocati, pur nel rispetto dell’ambiente. Abbiamo, anche per questi motivi, valutato di prolungare di un anno la scadenza di presidenza e cda, in modo da portare a compimento la gestione di alcuni progetti strategici già in essere. Il prolungamento per un solo anno si collega anche alla necessità di attendere chiarimenti normativi a livello nazionale in merito alla struttura delle società partecipate”.

Parco della Salina di Cervia
Presidente, Giuseppe Pomicetti
Ufficio Comunicazione e Stampa, Letizia Magnani - 348 7314189, letiziamagnani@gmail.com