Comunicati





Pomicetti confermato alla guida delle Saline

Pomicetti confermato alla guida delle Saline
Rinnovato e ridotto il consiglio d’amministrazione del Parco della Salina di Cervia, ci sarà per la prima volta anche una donna.
L’amministrazione accoglie la proposta dei compensi al  Consiglio di amministrazione Società Parco Saline a fronte di una riduzione del contributo e di garanzie sui risultati


Giuseppe Pomicetti è stato rieletto presidente del Parco della Salina di Cervia, visti anche gli ottimi risultati raggiunti dal parco, sopratutto in termini di valorizzazione dell’identità culturale, sviluppo turistico e valorizzazione ambientale della salina oltre che dei buoni risultati economico-finanziari della società stessa.
Nella medesima assemblea dei soci - Comune di Cervia, Provincia di Ravenna, Camera di Commercio, Parco del Delta del Po, Terme di Cervia – è anche stato nominato il nuovo consiglio di amministrazione del Parco della Salina, che durerà in carica 3 anni.
Siedono nel rinnovato cda Giuseppe Pomicetti e Osar Turroni (presidente Gruppo Civiltà Salinara), nominati dal socio di maggioranza, il Comune di Cervia, Guido Allegri (Camera di Commercio e Provincia di Ravenna), Lorella Bravetti (Parco del Delta del Po) e Aldo Ferruzzi (Terme di Cervia). I membri del cda a seguito dei recenti sviluppi normativi passano da 7 a 5 e viene anche prevista la presenza di almeno un membro del sesso meno rappresentato, in questo caso quello femminile.

E’ stato anche nominato un revisore dei conti, al fine di aumentare ulteriormente la trasparenza della Società, assolvendo così agli obblighi normativi che ne prevedono la presenza; inoltre vista la solida esperienza nel campo delle società partecipate pubbliche potrà essere d’aiuto nell’interfacciare la società parco della salina con le normative del settore e compagine sociale vista la natura pubblico-privata della stessa.
L’amministrazione comunale dal canto suo ha accolto la proposta scaturita nel corso dell’Assemblea dei soci della società Parco della Salina di Cervia s.r.l. del 09/10/2013 che prevede l’istituzione di un compenso a favore del Consiglio di Amministrazione della Società.
La Giunta comunale pur valutando positivamente la proposta, in considerazione dei risultati positivi fino ad oggi conseguiti dalla società, ha ritenuto comunque di integrarla con la seguente condizione di salvaguardia: “nel caso in cui la società realizzi un risultato economico negativo della gestione, l’Amministrazione comunale di Cervia si riserva di sottoporre all’Assemblea dei soci della società una proposta tesa alla riduzione/sospensione del compenso riconosciuto ai membri del Consiglio di Amministrazione della società fino alla riproposizione di utili societari”.

Inoltre la Giunta ha deciso di ridurre di circa il 35% il contributo da erogare per il 2013 e nei successivi anni alla società Parco della Salina di Cervia s.r.l., a fronte della presentazione di un progetto di valorizzazione storica, ambientale e turistica del compendio della Salina di Cervia.

E’ stato riconosciuto al Presidente del Consiglio di Amministrazione un importo pari all’indennità percepita da un Assessore del Comune di Cervia equivalente a € 1.533,80 lordi (circa 1.200 € netti) mensili onnicomprensivi fermo restando che, in caso di variazione nel corso del tempo dell’importo dell’indennità percepita da un Assessore del Comune, venga variato in automatico anche il compenso percepito dal Presidente.
Il riconoscimento agli altri consiglieri di un gettone di presenza ad ogni riunione assembleare a cui saranno presenti, di importo pari a quello corrisposto ad un Consigliere comunale del Comune di Cervia, equivalente a € 45 lordi; generalmente il cda si riunisce una volta al mese.

<< Abbiamo accolto favorevolmente la proposta – dichiara a nome della Giunta l’Assessore alle Saline Luca Coffari - grazie  alle condizioni economiche positive dovute ai risultati della società in questi anni. Ovviamente abbiamo posto delle condizioni di salvaguardia, in caso la situazione cambi e si verifichino risultati negativi. Inoltre la riduzione del 35% del contributo che corrisponde a circa 25.000 euro ci permette di controbilanciare in modo positivo le spese che saranno impiegate per i compensi (18.000 lordi per 12 mensilità), che di fatto non graveranno sul bilancio del comune. Crediamo infatti che la società stia facendo un ottimo lavoro sotto il profilo ambientale e turistico con un vantaggio per tutta la nostra città e dunque il lavoro quotidiano, il continuo e crescente impegno e responsabilità per la gestione di una società come le Saline che fa conoscere Cervia nel mondo, meritino una remunerazione e non si possa basare solo sul volontariato >>.

<<Credo che sia un elemento di trasparenza nei confronti dei soci e della città che nella Salina riconosce un patrimonio ambientale, storico-culturale ed economico>>.

L’Ufficio Stampa
Cervia, 23 ottobre 2013